venerdì 14 ottobre 2016

Profumo di spot #11


Ciao a tutte amiche fatine! Anche questo mese siamo giunte al tanto atteso (ditemi che è così se no mi smontate il discorso) appuntamento con la rubrica più dissacrante del blog :) Purtroppo ancora non si sono visti spot di profumi degni di nota - ma conto nel mese prossimo quando cominceranno a bombardarci coi primi spot natalizi - perciò ho deciso di fare un tuffo nel passato e proporvi qualcosa datato anni '80, buona visione :)




Ah, che bei tempi! All'epoca non c'era bisogno di bellone mezze svestite e dal quoziente intellettivo di un'arachide (senza offesa per l'arachide, che all'ora dell'aperitivo fa sempre la sua figura :D ).
All'epoca non c'era neanche bisogno di quella specie a noi tristemente nota come HOMO PROFUMIS INAFFIDABILIS (ne abbiamo ampiamente documentato qui, qui e qui).

Ma procediamo con ordine. Siamo sopra a UN TETTO. Vabbè, è pur sempre la pubblicità di un profumo, un po' di illogicità è concessa, no??
Un'aitante signorina di azzurro vestita saltella per i tetti con in mano un ombrello, - praticamente un mix tra la Fata Turchina e Mary Poppins - intonando una libera interpretazione della famosa canzone "Raindrops keep falling on my head":

Tutto ciò avviene mentre un gatto a cartoni animati, anch'esso ombrellino-dotato, balla e saltella con lei. Probabilmente si trova lì dopo essere stato scartato ai provini della band degli Aristogatti perché troppo musical-oriented. In fondo, non tutti quanti "sanno fare jazz, allelujah" :D

Ma analizziamo un attimo il testo della canzone:

Gocce di Napoleon su di me
Un gatto mi guarda e mi fa un sorriso 
E gocce su di me, ah!
Sul mio corpo penso a te, mi innamoro
mi innamoro di te!

Ora, logica vuole che questo Napoleon sia il profumo, altrimenti chi altri potrebbe fare gocce?? Ma allora perché sul "m'innamoro di te" a beccarsi il bacio della fata turchina sia il gatto??
Non sarebbe stato più logico che lei baciasse la bottiglia di profumo? In fondo noi spettatori di spot profumosi siamo abituati a questo genere di stranezze.
Ma soprattutto: perché lei non soffre di vertigini?? Se ballassi io su un tetto come fa lei a quest'ora sarei già caduta di sotto :P
Comunque, dibattito a parte, di una cosa possiamo essere certe: le donne degli anni '80 erano avanti e avevano capito una cosa che noi beauty blogger abbiamo capito solo trent'anni dopo, ovvero che I GATTI SONO MIGLIORI DEGLI UOMINI :D

Vi è piaciuta questa versione vintage della rubrica? Al prossimo spot e buon weekend!! ^_^


11 commenti:

  1. ahahahha questa resta sempre la mia rubrica preferita, anche declinata al passato! Io vagamente me la ricordo sta pubblicità, ammazza se sono vecchia, comunque non mi ero mai concentrata sul testo della canzone che è qualcosa di davvero profondo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la ricordavo nemmeno io, è dell'85 :) Sì il testo è un capolavoro! :D

      Elimina
  2. Io non ero ancora nata, però è fortissima! peccato non averla vista prima ahahah bacio!
    http://pazzadimoda.blogspot.it/?m=0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuta! :)

      Elimina
  3. Wonderful post, dear!
    I`m following ur blog with a great pleasure via GFC and Google+
    Please join me
    Sunny Eri: beauty experience

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hi, thanks for following me, I follow you back with pleasure :)

      Elimina
  4. Come sempre, sono morta dal ridere a leggere i tuoi commenti sullo spot. Se vedo qualche spot da commentare te lo twitto così poi lo commenti :)

    RispondiElimina

Grazie per il commento!